Torna alla home
Click to ZOOM
Tratto dall'articolo di giornale

Tratto dall'articolo di giornale

Click to ZOOM
Primo articolo, baby vandali identificati

Primo articolo, baby vandali identificati
Click to ZOOM
Secondo articolo, progetti di rieducazione

Secondo articolo, progetti di rieducazione
mar 15/11/16
Guerra ai writer: i baby vandali della Besana
Identificati dalla polizia locale i quattro giovanissimi graffitari tra 16 e 19 anni di eta' accusati di aver imbrattato la Rotonda a fine 2014

Riportiamo con piacere e interesse due articoli pubblicati su Il Giorno (13 Novembre 2016)

Milano, 13 novembre 2016 - Moser, Rase, Shame e Mecos lasciarono il loro marchio dappertutto. Lungo il porticato. Sui vetri delle finestre. Sulle panchine. Ovunque. Tag e graffiti della crew "Aka", come si autodefinivano con gli amici. Una crew composta solo di minorenni, almeno all’epoca dei fatti. Il bersaglio: la Rotonda della Besana, deturpata dalle scritte alla fine del 2014 (e poi ripulita dal Comune). Da quelle sigle, identificative dei rispettivi autori nel mondo del graffitismo vandalico, sono partite le indagini dell’Unità Tutela decoro urbano della polizia locale, un nucleo specializzato che negli anni ha accumulato un invidiabile patrimonio di conoscenze nel campo del writing d’assalto (e un altrettanto poderoso archivio fotografico al quale attingere). Indagini che nelle scorse settimane si sono concluse con l’identificazione di quattro presunti baby vandali (di cui due fratelli): oggi uno ha 18 anni, due 16 e uno 20 da compiere tra poco meno di un mese; cioè vuol dire che ai tempi due di loro avevano da poco compiuto 14 anni.

Come ci sono arrivati i ghisa? Con un lavoro certosino e approfondito – scritte identiche sono state ritrovate pure sulla Palazzina Liberty e alla fontana di largo Marinai d’Italia – partito dall’analisi dei social network più diffusi, quelli utilizzati dai giovanissimi per veicolare le loro "imprese". E così i vigili sono riusciti ad associare due delle tag – Shame e Rase – al profilo Facebook del minore dei due fratelli (peraltro la scritta compariva sulla parete della loro cameretta in bella mostra sul web). Da lì, a catena, gli investigatori di via Custodi, coordinati dal comandante Antonio Barbato, sono arrivati pure a Moser, che proprio sul suo profilo si era attribuito quel nome di battaglia in una conversazione con un conoscente. Il resto lo hanno fatto le verifiche all’Anagrafe sui nomi di battesimo e il fatto che alcuni dei ragazzini avessero frequentato la stessa scuola media. L’ultimo a cadere nella rete è stato Mecos, il più grande del gruppo, che in un post aveva associato il nome della crew a quasi tutti i suoi componenti, aiutando involontariamente gli inquirenti già sulle sue tracce. Al di là del percorso che faranno in sede di eventuale processo al Tribunale dei minori, i quattro della Aka crew rientrano in una tendenza che si sta consolidando sempre più: aumentano i casi di under 18 denunciati dai ghisa per deturpamento o imbrattamento di beni altrui.

Prova ne sono i numeri dal 2014 a oggi, o meglio l’incidenza percentuale degli episodi che riguardano minorenni rispetto al numero totale di writer identificati: erano 20 due anni fa (su 115 complessivi), sono diventati 25 l’anno scorso (su 135) per crescere fino a 30 nel 2016 (su 90 finora "pizzicati" dal nucleo). Tradotto: nei primi dieci mesi di quest’anno, un writer su 3 ha meno di 18 anni. Il motivo? Semplice quanto preoccupante: le operazioni in serie della polizia locale hanno decimato le crew storiche, lasciando praterie alle nuove leve di graffitari armati di bombolette spray e videocamere digitali per riprendersi all’opera.

In allegato grafico, a sinistra, il secondo articolo riguardante interessanti progetti di rieducazione.




COMMENTI DEI LETTORI

mi piacerebbe conoscere il commento/comportamento dei loro genitori dato che le punizioni (che spero ci siano) serviranno a poco date le origini nell'ignoranza e mancanza di senso del bello e senso comune e poi sarebbe utile conoscere le loro motivazioni
da paolo cortesi (IP 93.38.90.218), mar 15/11/16

Sono d accordissimo filippo!
Lavori socialmente utili come la pulizia delle opere dei loro amichetti e conservazione del bene.pubblico!
A scuola dove e' finita la materia di educazione civica??
da Luca (IP 66.249.93.27), mar 15/11/16

Adesso bisognerebbe fare imbiancare a loro tutti i graffiti, così
chissà che sia la volta buone che prima di imbrattare i muri di case
ed altri, ci penseranno due volte.
Filippo Strazza
da filippo strazza (IP 151.64.38.198), mar 15/11/16


LASCIA UN TUO COMMENTO
Tuo nome e cognome (o nickname):
Controllo Anti-Spam
per confermare il tuo commento, scrivi in lettere minuscole
il numero che compare qui di seguito :
ATTENZIONE: OGNI MESSAGGIO LASCIATO SUL SITO VERRA' CONTROLLATO DALLA REDAZIONE PRIMA DELLA PUBBLICAZIONE
Prima di pubblicare il tuo messaggio assicurati che:
- non contenga link (verranno automaticamente cancellati)
- sia in tema e contribuisca alla discussione in corso
- non abbia contenuto razzista o sessista
- non sia offensivo, calunnioso o diffamante
La redazione si riserva di cancellare qualsiasi contenuto ingiurioso, volgare, illegale o comunque contrario al buon senso. La redazione non è responsabile dei contenuti dei commenti, che verranno controllati a campione e/o su segnalazione esterna. Il sistema di commenti, per come strutturato, non può garantire l'autenticità dei messaggi lasciati, per non violare la privacy degli utenti stessi.

Cerca:



Seguici anche su:






Area riservata

eXTReMe Tracker
Ideato da: Associazione 4Tunnel - info@4tunnel.it - Cod.fisc. 97672420151
Info e iscrizioni: portineria di Via Cavalcanti 8 (MI)
Gestione tecnica: webmaster@4tunnel.it
Tutela della privacy